28 ottobre 2010

Nono PREMIO "ZAMENHOF" e PREMIO "STOPPOLONI" - Ancona, 18 Novembre 2010

...............................................................................

(Vedi sotto l'aggiornamento del 19-11-2010)

(Clicca sulle immagini per renderle leggibili)
.......................................................................

Nono Premio Zamenhof e Premio Stoppoloni 2010

(Vedi sotto l'aggiornamento del 19-11-2010)

.......................................................................

Giovedì 18 novembre 2010 ore 21
Teatro Sperimentale "Lirio Arena"
Via Redipuglia 57, Ancona
Ingresso libero.

Anche quest'anno la cerimonia di consegna di questa IX edizione del prestigioso "Premio Zamenhof - Le Voci della Pace" abbinato pure al Premio "Umberto Stoppoloni - Le Integrazioni Impossibili" avrà una sede degna dell'evento ed il patrocinio della Regione Marche, della Provincia di Ancona, del Comune di Ancona, del Museo Tattile Statale Omero e dell'Università della Pace.

Tra gli sponsor si citano Costruzioni Elle e Mariotti Costruzioni.

La scultura bronzea "La Vojaĝisto" del m.o Floriano Ippoliti sarà assegnata quest'anno per il "Premio Zamenhof" a:

NICCOLO' FABI, il cantautore impegnato in concerti di beneficenza per sostenere iniziative in campo scolastico e sanitario in Africa (Sudan, Angola);

Nicolò Fabi

Prof. ROCCO ALTIERI, docente di Teoria e Prassi della "Non Violenza" presso l'Università di Pisa, impegnato nella pedagogia della pace e della non violenza come intellettuale e come cittadino;

Prof. Rocco Altieri

SUOR MARIA PIA DA RECANATI, Superiora per l'Italia Centro-settentrionale delle Missionarie della Carità, di Madre Teresa di Calcutta ed operanti nel mondo per alleviare le sofferenze di chi vive la malattia e la povertà in contesti di emarginazione e di miseria.
.................................................................................

Il "Premio Stoppoloni" sarà assegnato a:

INSENSINVERSO, l'Associazione che opera nel quartiere romano "la Magliana" per l'integrazione delle diverse etnie attraverso l'insegnamento della lingua italiana.

............................................................................

Concluderà la serata il concerto del pianista i, Marco Vergini con musiche di Debussy, Schumann, Chopin, e Liszt.

Marco Vergini

Conduttori: Patrizia Ginobili e Andrea Carloni.

I giornalisti Patrizia Ginobili e Andrea Carloni
................................................................................

Il Premio "Zamenhof" è nato nel 2002 con il duplice intento di segnalare all'opinione pubblica, attraverso i media, alcuni esempi di vita, alternativi ai modelli che quotidianamente vengono proposti da una società fondata sull'individualismo, e in secondo luogo di offrire una più profonda conoscenza del Movimento Esperantista attraverso i suoi valori fondanti: la pace, la solidarietà tra i popoli, il rispetto per tutte le lingue e tutte le culture.
In questi otto anni la manifestazione si è fatta conoscere da un pubblico sempre più numeroso, guadagnandosi la stima e la considerazione delle autorità, dei mezzi di comunicazione, di associazioni impegnate nella promozione di valori identici o contigui e di molti intellettuali di rilievo.
Hanno collaborato artisti importanti quali Valeriano Trubbiani, Loreno Sguanci e Floriano Ippoliti; hanno ricevuto il Premio personaggi dello spettacolo assai noti (Luca Zingaretti, Lella Costa, Claudio Abbado, Moni Ovadia, tanto per citarne alcuni) ed operatori sociali e culturali meno conosciuti ma capaci di incidere profondamente in alcune realtà sociali.
Il Premio "Stoppoloni", ispirato alla figura di un grande esperantista e promosso dai familiari, oltre che dal Gruppo Esperantista Pistoiese, è nato insieme con il Premio "Zamenhof" e lo ha accompagnato in tutto il suo cammino. Esso si propone di far conoscere ed aiutare alcune iniziative di solidarietà sociale che soltanto il coraggio e la dedizione di pochi riescono a trar fuori dal regno dell'impossibile.

Federazione Esperantista Italiana.

.................................................................................

Aggiornamento del 19-11-2010

Prima della premiazione, gli scolari di una scuola
elementare di Ancona cantano in Esperanto


Suor Maria Pia DA RECANATI riceve il Prmio "Zamenhof"

Il Prof. Rocco ALTIERI riceve il Premio "Zamenhof"

Il cantautore Niccolò FABI riceve il Premio "Zamenhof"

L' Associazione INSENSOINVERSO riceve il Premio "Stoppoloni"

Il pubblico appaude alla conclusione dello spettacolo
.............................................................................

12 aprile 2010

Scomparso da trent’anni, ma così lungimirante che aveva previsto tutto:
...............................................................................


GIANNI RODARI:
23.10.1920 – 14.04.1980



Gianni Rodari, nato a Omegna prov. di Novara (oggi prov. di Verbania) nel 1920, dopo una esperienza di insegnamento elementare, lavorò come giornalista all’”Unità” e a “Paese sera” e scrisse per l’infanzia, curando anche alcuni programmi per bambini della RAI. Diresse il “Pioniere”, settimanale illustrato per ragazzi, e il “Giornale dei Genitori”; collaborò lungamente al “Corriere dei Piccoli” e a “La Via Migliore”, diffuso periodico delle casse di risparmio italiane. I suoi libri hanno avuto innumerevoli traduzioni e hanno meritato diversi riconoscimenti tra cui il prestigioso Premio Andersen (1970), “Nobel” della letteratura per l’infanzia.

G. Rodari è morto a Roma nel 1980.

(Da http://www.valletrompia.it/esy/doc/88523/RODARI_2007.pdf )

Gianni Rodari

Il Paese dei bugiardi

(FILASTROCCA)

C'era una volta, là
dalle parti di Chissà,
il paese dei bugiardi.
In quel paese nessuno
diceva la verità,
non chiamavano col suo nome
nemmeno la cicoria:
la bugia era obbligatoria.

Quando spuntava il sole
c'era subito uno pronto
a dire: "Che bel tramonto!"
Di sera, se la luna
faceva più chiaro
di un faro,
si lagnava la gente:
"Ohibò, che notte bruna,
non ci si vede niente".

Se ridevi ti compativano:
"Poveraccio, peccato,
che gli sarà mai capitato
di male?"
Se piangevi: "Che tipo originale,
sempre allegro, sempre in festa.
Deve avere i milioni nella testa".
Chiamavano acqua il vino,
seggiola il tavolino
e tutte le parole
le rovesciavano per benino.
Fare diverso non era permesso,
ma c'erano tanto abituati
che si capivano lo stesso.

Un giorno in quel paese
capitò un povero ometto
che il codice dei bugiardi
non l'aveva mai letto,
e senza tanti riguardi
se ne andava intorno
chiamando giorno il giorno
e pera la pera,
e non diceva una parola
che non fosse vera.


Dall'oggi al domani
lo fecero pigliare
dall'acchiappacani
e chiudere al manicomio.
"E' matto da legare:
dice sempre la verità".
"Ma no, ma via, ma và ..."
"Parola d'onore:
è un caso interessante,
verranno da distante
cinquecento e un professore
per studiargli il cervello ..."
La strana malattia
fu descritta in trentatre puntate
sulla "Gazzetta della bugia".

Infine per contentare
la curiosità
popolare
l'Uomo-che-diceva-la-verità
fu esposto a pagamento
nel "giardino zoo-illogico"
(anche quel nome avevano rovesciato ...)
in una gabbia di cemento armato.

Figurarsi la ressa.
Ma questo non interessa.
Cosa più sbalorditiva,
la malattia si rivelò infettiva,
e un po' alla volta in tutta la città
si diffuse il bacillo
della verità.
Dottori, poliziotti, autorità
tentarono il possibile
per frenare l'epidemia.
Macché, niente da fare.
Dal più vecchio al più piccolino
la gente ormai diceva
pane al pane, vino al vino,
bianco al bianco, nero al nero:
liberò il prigioniero,
lo elesse presidente,
e chi non mi crede
non ha capito niente.


30° Anniversario della scomparsa di Gianni Rodari

................................................................................

29 marzo 2010

E' morto Mauro La Torre (1946-2010)

Prof. Mauro La Torre

L'Esperantismo italiano è in lutto per la morte di un attivissimo esperantista, uomo di grande cultura democratica e stimato professore presso l'Università di Roma Tre.

Per saperne di più sulla cerimonia funebre andare al sito di "educado.net" (in eo):

http://www.ipernity.com/blog/edukado.net/238977


Riguardo al Professore:

http://www.uniroma3.it/persona.php?persona=hvH+J/diUVOM2UDKai67WvIY8vl6MlogqYBppj9H8hU=&cf={cf}


http://host.uniroma3.it/docenti/latorre/ekpagxo.htm

................................................................................

6 marzo 2010

ITALIA D'ORO - Pierangelo Bertoli - Anno 1992

................................................................................

!!! TUTTO E' CAMBIATO ... In peggio !!!


http://www.youtube.com/watch?v=ifIVo2xMwOA

................................................................................

5 marzo 2010

APPELLO URGENTE: VOTIAMO TUTTI PER LA MODIFICA ALLO STATUTO F.E.I.
................................................................................

Appello a tutti gli Associati alla F.E.I.


Si e' aperto il referendum per l'approvazione del nuovo statuto della Federazione Esperantista Italiana e stanno arrivando le lettere di votazione. Il ritmo di partenza e' buono e ci auguriamo che si mantenga tale perche' il traguardo da raggiungere e' lontano ed ha bisogno della collaborazione di tutti. Come e' noto, il referendum per essere valido deve raggiungere il quorum previsto e cioe' devono votare almeno i due terzi degli iscritti.


D'altra parte la FEI ha urgente bisogno del nuovo statuto, perche' l'attuale, che ha servito ottimamente per anni, e' carente o obsoleto in alcuni aspetti che si sono progressivamente evidenziati. Innanzitutto bisogna adeguarsi alle leggi italiane che effettivamente si stanno sensibilizzando verso le associazioni senza fine di lucro, volontaristiche, di promozione sociale, ecc., ma in compenso stanno introducendo delle norme che finirebbero con il danneggiare molto l'associazione che non le rispetta. Per esempio certi principi ovvi da sempre, come la parita' dei diritti degli associati, l'assenza di varie discriminazioni, ecc. devono essere espressamente dichiarati e non impliciti. E cosi' via.


Con l'occasione si sono decise alcune innovazioni, dettate dall'esperienza acquisita, per rendere piu' efficiente la FEI stessa: come meglio definire e coordinare i compiti dei rispettivi Consigli (Nazionale e Direttivo), portare a tre anni il loro mandato, come fa pure l'UEA, e permettere a loro, e sara' sempre piu' possibile, di riunirsi in simultanee riunioni telematiche, facili e quindi frequenti, anziche' ogni volta recarsi a proprie spese in treno a Bologna o Firenze per sedersi attorno ad un tavolo.


E' quindi evidente l'invito a tutti gli associati alla FEI non solo di votare, ma anche di fare azione informativa e di sollecitazione verso gli altri, magari meno raggiungibili con i canali ufficiali.

E votiamo subito, per non correre il rischio di dimenticarsi o perdere la scheda inviata a tutti personalmente a casa!.

La FEI ringrazia anticipatamente per l'indispensabile collaborazione!


................................................................................

17 febbraio 2010

.................................................................................
PREMIO NOBEL PER LA PACE ALL'ASSOCIAZIONE
UNIVERSALE DI ESPERANTO, SECONDO OTTO PARLAMENTARI BRITANNICI

15 febbraio 2010, riceviamo dalla FEI (Federazione Esperantista Italiana) il seguente comunicato stampa.


"Premio Nobel per la Pace all'Associazione Mondiale di Esperanto (UEA) secondo otto parlamentari britannici.


Otto parlamentari britannici hanno proposto al comitato per il premio Nobel per la Pace di assegnare il premio del 2010 alla Associazione Universale di Esperanto. Gli otto parlamentari, alcuni molto noti nel Regno Unito, sono (il partito è indicato accanto ad ognuno):


Andrew Smith, Partito Laburista
Austin Mitchell, Partito Laburista
Bill Etherington, Partito Laburista
Oliver Heald, Partito Conservatore
Charles Kennedy, Partito Liberal-democratico
Lord Bob Maclennan, Partito Liberal-democratico
Lord Robin Corbett, Partito Laburista
Roger Gale, Partito Conservatore

L'Esperanto è una lingua internazionale sviluppata alla fine dell'ottocento che si propone, a livello mondiale, come uno strumento agevole per la comprensione reciproca tra i popoli ed è stato pensato in modo tale da essere facilmente appreso ed utilizzato da tutti. Nata da un ideale di pace e di collaborazione tra gli uomini, questa lingua si pone al di sopra di ogni differenza etnica, politica, religiosa, e - proprio perché lingua propria di nessuna nazione ed accessibile a tutti su una base di uguaglianza - tutela contro il predominio culturale ed economico dei più forti e contro i rischi di una visione monoculturale del mondo.

L'Associazione Universale di Esperanto (UEA) ha sede in Olanda e rappresenta il Movimento Esperantista all'ONU e all'Unesco.
In Italia l'Esperanto è rappresentato dalla Federazione Esperantista Italiana (FEI), che è un ente morale con D.P.R. n. 1720 del 28.6.1956, senza fini di lucro, articolato in una quarantina di gruppi in tutta l'Italia."

Ritratto fotografico del giovane Alfred Nobel
..........................................................................................
Esperanto Italia - FEI
Via Villoresi, 38, 20143 Milano
www.esperanto.it, ufficio.stampa@esperantoitalia.it

..........................................................................................

11 febbraio 2010

ZLANGO? Va bene, purché non sia ESPERANTO!
..........................................................................


La Televisione Pubblica Italiana (RAI – Tg3 “Neapolis”) ha dato oggi la notizia (non nuova?) che un sedicente “creativo” israeliano ha inventato un linguaggio di icone e simboli dal significato universale per scambiare messaggini telefonici con chi parla lingue diverse che non si conoscono.
Però, come si vede, il significato letterale è sempre indicato in Inglese.

Una specie di Esperanto per le SMS”, come lo stesso autore lo ha definito, e che ha battezzato con il nome di “ZLANGO”. Per ora una sola compagnia telefonica italiana ha adottato “Zlango”, ma si prevede che lo faranno presto anche le altre (vedi http://www.tim.it/consumer/o92082/servizio.do ).


Insomma, si usa a pretesto comunicativo e pubblicitario l’esempio della lingua pianificata internazionale Esperanto, ma… col cavolo che si fa qualcosa per diffonderlo e conseguentemente usarlo magari anche per le SMS.

Anzi, il “tutto va bene meno che l’Esperanto” sembra proprio l'ennesima manovra strategica per il boicottaggio globale congegnata da chi ha tutti i più egoistici vantaggi affinché l’Esperanto rimanga relegata nell’angolo delle “utopie”…
...quelle facilmente realizzabili, purché lo si voglia.

............................................................................

6 febbraio 2010

OMAGGIO A GIANNI RODARI
..................................................................................

Il giornale dei gatti (di Gianni Rodari*)

I gatti hanno un giornale
con tutte le novità
e sull'ultima pagina
la "Piccola Pubblicità".

"Cercasi casa comoda
con poltrone fuori moda:
non si accettano bambini
perchè tirano la coda".

"Cerco vecchia signora
a scopo compagnia.
Precisare referenze
e conto in macelleria".

"Premiato cacciatore
cerca impiego in granaio".
"Vegetariano, scapolo,
cerca ricco lattaio".

I gatti senza casa
la domenica dopo pranzo
leggono questi avvisi
più belli di un romanzo.

Per un' oretta o due
sognano ad occhi aperti,
poi vanno a prepararsi
ai notturni concerti.

G. Rodari (*)


(*) Gianni Rodari, 1920 - 1980, è stato un famosissimo pedagogista italiano e scrittore di poesie, fiabe, filastrocche, ecc., per bambini.
............................................................................

1 gennaio 2010

77° CONGRESSO ITALIANO DI ESPERANTO - LIGNANO SABBIADORO (UD) 21-28/08/2010 (Clicca sulle immagini per ingrandirle)
.........................................................................
..........................................................................

http://italakongreso.esperantoitalia.it/77/index.html

.........................................................................
.........................................................................
.......................................................................
.........................................................................
http://italakongreso.esperantoitalia.it/77/index.html
.......................................................................

21 novembre 2009

OTTAVO PREMIO ZAMENHOF E STOPPOLONI DI IERI: come è adata?...
..................................................................................



.................................................................................
...Noi abbiamo avuto alla fine una gradita sorpresa perché, oltre ad essere state premiate come sempre persone straordinarie per il loro grande impegno nel campo della solidarietà umana e della fratellanza tra i popoli, ed aver ascoltato un bellissimo concerto finale di giovani musicisti marchigiani..., di fatto uno de premiati, e precisamente il signor ANGELO VENTI, vincitore del "Premio Stoppoloni" (e di un aiuto in denaro) per il suo giornale on line e cartaceo "Site.it", per dimostrare ai presenti con quali semplici, ma efficaci mezzi egli fa (contro)informazione in molti Comuni delle zone montuose dell'Abruzzo interno, ci ha consegnato all'uscita una edizione straordinaria del suo foglio "/sollevatiabruzzo", in cui, come potete vedere dalle immagini scannerizzate, (per vedere meglio: http://www.site.it/le_testate/site.it%20SOLLEVATIABRUZZO/sollevati%20abruzzo%202009-12.pdf ), già era stampato tutto ciò che riguardava la serata stessa della premiazione ed altri argomenti riguardanti il mondo esperantista. E con la foto di un altro premiato, il sig. Ahmad Parsa. Il tutto stampato durante il concerto! DUNQUE, come non premiare tanta efficacia di informazione pur sapendo che queste ammirevoli persone lavorano con mezzi antiquati e poco dispendiosi come ad esempio un vecchio ciclostile?
Grazie ad Angelo Venti, a tutti gli altri premiati (vedi post precedente) e a chi ha organizzato questo ottavo successo del Premio ZAMENHOF-STOPPOLONI!

................................................................................