6 febbraio 2010

OMAGGIO A GIANNI RODARI
..................................................................................

Il giornale dei gatti (di Gianni Rodari*)

I gatti hanno un giornale
con tutte le novità
e sull'ultima pagina
la "Piccola Pubblicità".

"Cercasi casa comoda
con poltrone fuori moda:
non si accettano bambini
perchè tirano la coda".

"Cerco vecchia signora
a scopo compagnia.
Precisare referenze
e conto in macelleria".

"Premiato cacciatore
cerca impiego in granaio".
"Vegetariano, scapolo,
cerca ricco lattaio".

I gatti senza casa
la domenica dopo pranzo
leggono questi avvisi
più belli di un romanzo.

Per un' oretta o due
sognano ad occhi aperti,
poi vanno a prepararsi
ai notturni concerti.

G. Rodari (*)


(*) Gianni Rodari, 1920 - 1980, è stato un famosissimo pedagogista italiano e scrittore di poesie, fiabe, filastrocche, ecc., per bambini.
............................................................................

5 commenti:

cristiana ha detto...

Quando ero ragazzina, m'incantarono le macchine inventate da Rodari come : 'agitatore di coda per cani pigri'...per esempio.
Ciao Irnerio e ancora bentornato.
Cristiana

Paola dei gatti ha detto...

ottima idea quella della bandiera per cambiare lingua i post del precedente erano a volte difficoltosi da "centrare" specie per chi, come me ha problemi visivi (ossia non vedo un tubo:lenti a contatto più occhiali per leggere!) conoscevio questa graziosa filastroccca e , se non fosse già presente nel blog (poesie a 4 zampe)te la...scipperei

Irnerio ha detto...

E la conoscevi sì, Paolissima cara, te l'ho scippata io a te...
insieme alla foto del gatto che legge più del nostro (si fa per dire) Presdelcons.
E pare, si dice, vociferano che si sia pure messo a studiare l'Esperanto!
No, non il fetentone..., il gattone!

Rocchegiano ha detto...

Siaaamo rimast'in treee, due signooore ed un brigaaante, sulla straaada tra il berluscaaa ed il disastrooo..

("Rocchegiano" non è altro che la versione "italiana" di Fortikaĵulo)

Fortikaĵulo ha detto...

Nonostante la crisi economica, politica, culturale e pure esistenziale, sono felice che gli spettacoli della "Felina Commedia" continuino a mietere i meritati successi.

Ed anche che i cani un po' stanchi abbiano avuto un'anima gentile che ha pensato alle loro code pigre.

Quando si dice amare questi elargitori non pigri di generosità.